,

Incontro “La fede cristiana evangelica nella storia e nel presente della chiesa valdese” a Rovereto il 23 gennaio 2019.

Nell’ambito dei corsi organizzati dall’università dell’età libera, a cura dell’assessorato alle politiche sociali del comune di Rovereto, si terrà mercoledì 23 gennaio 2019 , dalle 16.30 alle 18.30, in via Cavour angolo via Flaim a Rovereto (TN), l’incontro dal titolo “La fede cristiana evangelica nella storia e nel presente della chiesa valdese”.

Nel corso della presentazione a cura di Alessandro Serena, rappresentante per il Trentino della chiesa valdese, unione delle chiese metodiste e valdesi, saranno presentate le origini ed il presente della chiesa valdese, con particolare riferimento ai temi della fede cristiana evangelica. Un percorso che attraverserà otto secoli di storia: da Valdo di Lione a Lutero e Calvino, per approdare alla chiesa valdese come appare oggi, nei suoi contenuti e nella sua forma.

Di seguito la scheda di presentazione dell’incontro: la-fede-cristiana-evangelica.pdf .

E’ necessaria l’iscrizione -gratuita- da effettuarsi obbligatoriamente nei giorni dal 7 al 10 gennaio 2019, secondo le modalità indicate al link del comune di Rovereto riportato di seguito:

http://www.comune.rovereto.tn.it/Vivi-la-citta/Persona/Calendario-eventi-per-la-persona/Universita-dell-Eta-Libera .

Sostenere, in libertà: un appello.

Le chiese metodiste e valdesi si sostengono in modo autonomo senza contributi da parte dello stato, questo perché riteniamo che l’indipendenza da finanziamenti esterni sia condizione per l’esercizio di una reale libertà. Quanto si riceve dai fondi dell’ otto per mille non viene in alcuna maniera impiegato per finalità di culto  quali la costruzione o la manutenzione delle chiese o per il pagamento degli stipendi delle pastore o dei pastori;  il ricavato infatti è impiegato per promuovere progetti sui temi della pace, dello sviluppo, dell’istruzione , dell’informazione e della solidarietà.

Le chiese metodiste e valdesi si  automantengono, secondo  il principio di responsabilità, abbracciato da chi entra a fare parte della chiesa, che impegna tutte e tutti a sostenerla anche economicamente. “Ciascuno dia secondo quanto ha deciso nel suo cuore, non con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia. Del resto, Dio ha potere di far abbondare in voi ogni grazia perché, avendo sempre il necessario in tutto, possiate compiere generosamente tutte le opere di bene,  come sta scritto: ha largheggiato, ha dato ai poveri; la sua giustizia dura in eterno. “(2 Cor 9,7-9)

La chiesa valdese di Verona contribuisce all’autonomia della chiesa tutta, grazie al contributo dei suoi membri, garantendo quindi anch’essa  che i soldi dei contribuenti siano impiegati solo per aiutare  il prossimo. Sostenere economicamente la nostra chiesa risponde di conseguenza non solo a necessità  economiche di pareggio di bilancio ma serve anche a professare concretamente valori che sono sì cristiani ma anche  universali: aiutare gli ultimi, in piena libertà.

Rivolgiamo quindi un appello al sostegno economico, rivolto  alle sorelle, ai fratelli, ai simpatizzanti che professano Cristo ma che riteniamo interessi tutte le persone che si identificano nei valori della  solidarietà e della fratellanza del genere umano.

I versamenti possono essere effettuati sul c/c IBAN: IT80H0200811770000011081581, intestato alla Chiesa Evangelica Valdese di Verona.

,

la crisi finanziaria globale: intervento del consiglio ecumenico delle chiese

Il consiglio ecumenico delle chiese, che rappresenta a livello globale la maggior parte delle chiese cristiane, ha rilasciato il 7 novembre scorso una  Dichiarazione sull’improrogabile sfida della trasformazione economica.

Di seguito il testo del documento:

Dichiarazione sull’improrogabile sfida della trasformazione economica: a 10 anni dalla crisi finanziaria globale

Il comitato esecutivo del Consiglio Ecumenico delle Chiese riunitosi a Uppsala, in Svezia, dal 2 all’8 novembre 2018, evidenzia che quest’anno ricorre il decimo anniversario della crisi finanziaria globale, le cui conseguenze, ancora perduranti, includono: livelli crescenti di disparità di reddito, maggiore concentrazione della ricchezza nelle mani di un gruppo sempre più piccolo di élite economiche, accresciuta precarietà economica per una larga maggioranza della popolazione mondiale, disoccupazione giovanile diffusa, aumento del debito pubblico, instabilità sociale e politica e aumento delle forze politiche populiste in molti contesti a livello mondiale.

Constatiamo che praticamente nessuno dei protagonisti decisivi nelle pratiche che hanno generato la crisi sono stati ritenuti responsabili del danno globale generato, che il tempismo politico all’indomani della crisi nell’operare riforme sistemiche delle politiche e delle pratiche economiche è ampiamente mancato, e che le pochissime misure normative messe in atto dopo la crisi sono state poi ricondotte alla situazione precedente.
La spregiudicata avidità di pochi irresponsabili continua a creare rischi che minacciano il futuro di molti, e le condizioni per un’altra crisi finanziaria ed economica globale, di dimensioni ancora maggiori, stanno insorgendo velocemente.
Sottolineiamo inoltre, che oggi molti governi stanno rientrando in una crisi debitoria e faticano per finanziare gli obiettivi di sviluppo sostenibile; ciò è dovuto in parte alla corruzione, all’evasione delle imposte da parte delle imprese, alle agevolazioni fiscali e al restringimento della basi imponibili.
Rimarchiamo inoltre che l’urgente sfida dei cambiamenti climatici esige un sistema finanziario ed economico globale che applichi nuovi indicatori economici (diversi dal prodotto interno lordo incentrato sulla crescita) che tengano conto degli impatti sociali ed ecologici, che privilegino gli investimenti nella sostenibilità ecologica; un sistema che riduca la dipendenza dal debito in modo da liberare risorse per il rinnovamento sociale ed ecologico. Questa sfida è stata drammaticamente sottolineata di recente da una relazione speciale del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite sugli impatti del riscaldamento globale di 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali, la quale documenta che evitare impatti catastrofici dei cambiamenti climatici richiederà la trasformazione del l’economia mondiale a una velocità e portata senza precedenti.
Il comitato esecutivo del CEC pertanto:
Rinnova il proprio ripetuto appello a una nuova architettura finanziaria ed economica internazionale; verso un’economia della vita che colleghi la finanza all’economia reale, che tenga conto degli impatti sociali ed ecologici e ponga limiti efficaci all’avidità.

Chiede una regolamentazione efficace e una vera rendicontazione per quei soggetti ed istituti- comprese le società transnazionali e le istituzioni finanziarie considerate “troppo grandi per fallire” – la cui avidità e le cui pratiche corrotte hanno creato e continuano a creare rischi di dilaganti e disastrose crisi ed instabilità economica e di privare le nazioni delle risorse necessarie per uno sviluppo equo e sostenibile.

Incoraggia gli sforzi del CEC, della Comunione Mondiale delle Chiese Riformate (WCRC), del Consiglio per la Missione Mondiale (CWM) e della Federazione Luterana Mondiale (LWF) per una Nuova Architettura Finanziaria ed Economica Internazionale (NIFEA), e di tutte le chiese e dei partner ecumenici e interreligiosi che operano in questa direzione.

Conferma il lavoro del gruppo ecumenico su NIFEA e la Scuola Ecumenica su “Amministrazione, Economia e Gestione a favore di un’Economia della Vita allo scopo di creare cultura e competenze economiche all’interno delle chiese dotando i partecipanti di strumenti e linguaggio atti a promuovere efficacemente le stringenti e necessarie trasformazioni nel settore finanziario ed economico globale.

Domanda al CEC di collaborare con i vari interlocutori ecumenici ed altri nella convocazione di concertazioni più ampie per la trasformazione economica e finanziaria – coinvolgendo le diverse categorie di competenze rappresentate all’interno delle chiese – anche nei settori della (1) tassazione come strumento per promuovere la ridistribuzione, la responsabilità e la sostenibilità; (2) regolazione e democratizzazione della finanza; e (3) economia post-crescita.

 

,

contro ogni forma di violenza su donne, bambine, bambini e persone vulnerabili

Lo scorso 5 dicembre la chiesa valdese, unione delle chiese metodiste e valdesi in Italia,

ha diffuso a mezzo del moderatore della tavola valdese Past. Eugenio Bernardini e della presidente

dell’OPCEMI Past. Mirella Manocchio

il documento del Consiglio ecumenico delle

Chiese (CEC) sul tema della violenza contro le donne.

 

Il documento, redatto in occasione della
consultazione mondiale sul “Decennio delle chiese in solidarietà con le donne” che si è tenuta
a Kingston (Giamaica) dal 1 al 6 ottobre 2018, è stato approvato dal comitato esecutivo del
CEC conclusosi a Uppsala (Svezia) lo scorso 8 novembre.
Si tratta di un documento importante che riguarda un tema delicato e di assoluta
attualità. Alla sua stesura ha partecipato anche la pastora Letizia Tomassone, presente alla
consultazione di Kingston per conto della Tavola Valdese e dell’Opcemi.

Sono state quindi esortate Le chiese membro e i
partner ecumenici  a condannare la violenza sessuale e di genere e ogni
forma di violenza contro donne, bambini e persone vulnerabili e a dare loro sostegno, nonché
a contrastare i comportamenti che predispongono alla violenza.

Il documento esorta le chiese membro del CEC e i partner ecumenici:
– A condannare o reiterare le loro condanna della violenza sessuale e di genere e di ogni forma di
violenza contro donne, bambine, bambini e persone vulnerabili.
– A dichiarare tale violenza un peccato.
– A compiere sforzi costruttivi per superare gli atteggiamenti che predispongono a tale violenza, tra
cui lo sviluppo di chiare politiche sulle molestie sessuali che dicano chiaramente le conseguenze
per chi compie tali molestie.
– A continuare a lavorare con organizzazioni e gruppi locali che si oppongono a tutte le forme di
violenza sessuale e di genere.
– A dare sostegno nelle diverse forme, anche elaborando percorsi di guarigione dai traumi subiti da
donne, ragazze e altri soggetti vulnerabili a tali violenze nelle loro comunità.

Al link il documento integrale:

dichiar_wcc_violenze_genere2018

 

, ,

“Il vangelo secondo Mafalda”, serata di presentazione del libro lunedì 17 dicembre 2018.

Qualcuno l’ha definita “teologia pop”, cercando di identificare un genere che accosta senza timori i temi teologici ad elementi della cultura popolare: dal fantasy alla fantascienza e , perchè no, al fumetto d’autore. L’accostamento a prima vista ardito è quello capace -scardinando approcci tradizionali- di spingere alla riflessione. Chi ha detto che la profondità del pensiero non possa essere favorita dalla rottura di schemi consolidati?   In questo solco si muove il testo “Il vangelo secondo Mafalda” di Marco Dal Corso, che lunedì 17 dicembre 2018 alle ore 20,30 presso il tempio valdese di Verona di via Duomo angolo via Pigna, sarà presentato dall’autore in dialogo con la Pastora Laura Testa della chiesa valdese di Verona.

L’ingresso è libero.

Al link la locandina dell’evento:

DalCorso-Mafalda-locandina-b3

,

Rendene in Bosnia. La transumanza della pace. Giovedì 22 novembre 2018 ore 20.30; con Gianni Rigoni Stern.

Giovedì 22 novembre, con inizio alle 20.30, si terrà presso la chiesa Valdese di Verona in via Duomo – angolo via Pigna, la proiezione del video documentario “Rendene in Bosnia. La transumanza della pace”, per la regia di Nicolò Salvini.

Il progetto di solidarietà sarà presentato da Gianni Rigoni Stern.

 

Protagonisti sono la comunità dei contadini ed allevatori di Suceska (Bosnia Erzegovina) e le manze e manzette di razza Rendena.

Tre stalle ed il film sono stati realizzati con i fondi donati alla chiesa valdese con l’8 per mille.

,

Camminata per la pace a Rovereto: quando la memoria è difesa innanzitutto dei più deboli.

Sabato 6 ottobre 2018, in occasione dell’avvicinarsi della ricorrenza del termine della prima guerra mondiale, si è tenuta la camminata per la pace a Rovereto, organizzata dal tavolo delle religioni, dal comune di Rovereto e dalla zona pastorale della Vallagarina . Il prof. Camillo Zadra, direttore del museo della guerra di Rovereto ha illustrato all’interno dell’ossario la sua genesi e la funzione, come esso raccolga le spoglie degli innumerevoli soldati i cui resti la terra delle nostre montagne (e non solo),  ha restituito per anni dal termine della guerra. La pioggia non ha impedito ai partecipanti, uniti dalla profonda pietà per i caduti e dal rifiuto di ogni conflitto di recarsi alla campana dei caduti, percorrendo sentieri che un tempo correvano tra le trincee ed oggi sono percorsi da operatori di pace di ogni confessione.

Toccante, coinvolgente, un vero grido con la guerra, stonatura drammatica per l’umanità , lo spettacolo offerto dall’associazione 2GiGa “Armonicamente dal fronte”: la guerra non solo di chi ha combattuto, ma di chi ha atteso a casa, la guerra delle donne, consumate dall’ansia per la sorte dei  mariti , figli e padri lontani. Il dramma di chi ogni giorno aspettava una lettera , una notizia, testimonianza delle donne trentine, di un popolo tacciato spesso di tradimento durante il conflitto dall’una e dall’altra parte;  donne  simbolo di come  le vittime della storia siano sempre e comunque nel mezzo.

E’ seguita la dichiarazione comune per la pace, condivisa dalle singole confessioni presenti (testo nel libretto della manifestazione al link in calce all’articolo). Le note dell’ottimo minicoro di Rovereto hanno risuonato, inframezzando le preghiere dei singoli rappresentanti delle religioni che animano il tavolo: un vero richiamo alla pace da chi per primo ne ha diritto, i bimbi .

Di seguito la preghiera rivolta al Signore a nome della chiesa valdese (scritta dalla past. Laura Testa e pronunciata dal fratello Alessandro Serena):

10 La bontà e la verità si sono incontrate, la giustizia e la pace si sono baciate.

11 La verità germoglia dalla terra e la giustizia guarda dal cielo.

12 Anche il SIGNORE elargirà ogni bene e la nostra terra produrrà il suo frutto.

13 La giustizia camminerà davanti a lui, e seguirà la via dei suoi passi.

(Sal 85:10-13 NRV)

Carissimi fratelli e sorelle riuniti qui oggi vogliamo metterci in ascolto reciproco ed elevare insieme le nostre preghiere al Dio della pace, dell’amore, della verità e della misericordia.

Signore Iddio nostro siamo giunti in questo luogo da strade e da percorsi di vita diversi, ognuno ed ognuna di noi ti ha incontrato in una tradizione specifica, in una religione diversa, eppure ci riconosciamo come parte dell’unica famiglia umana.

Il nostro essere qui stasera indica un cammino che abbiamo intrapreso insieme e che ti chiediamo di benedire e di accompagnare con la tua Presenza: ci ha guidati la speranza comune che Tu desideri la felicità, la realizzazione umana, la comprensione reciproca, e la fine di ogni conflitto.

In questi giorni difficilissimi in cui ancora si parla di confini contesi, di frontiere chiuse, di luoghi in cui rinchiudere gli esseri umani al fine di ergere barriere sempre più alte, noi ci appelliamo a Te, che solo puoi salvare le nostre esistenze, apri i nostri occhi affinché sappiamo riconoscere in ogni anima che vive e respira, il soffio vitale che tu hai messo in noi. Dacci o Signore di poter trovare la via dell’accoglienza di Te, attraverso l’amore per i nostri simili.

Desideriamo ripudiare la guerra, e per farlo abbiamo bisogno di amarci, conoscerci, stimarci e rispettarci: insegnaci o Signore i gesti che incontrano senza ferire, le parole che chiedono senza invadere, l’amore che permette la libertà e la diversità.

Stasera abbiamo ascoltato il suono di una campana molto particolare, perché è stata formata dalla fusione dei cannoni utilizzati per sparare ed uccidere in guerra, una campana che con il suo rintocco in queste valli , ricorda a tutti coloro che l’odono l’orrore della guerra e la calma serena della pace.

Ti chiediamo Signore, sopra ogni cosa, di fare di noi le tue campane viventi, donne e uomini credenti di religioni diverse, che con timbri diversi ricordano e insegnano la pace: attraverso il segno del nostro incontro stasera, attraverso le nostre relazioni affermiamo la fine di ogni settarismo, di volontà di dominio e di scomunica reciproca.

Dio della Vita accogli le nostre preghiere e insegnaci la strada.

Amen

Al termine sono risuonati 100 rintocchi della campana dei caduti: un “mai più” che risuona ogni sera nella valle , perchè risuoni ogni giorno nelle anime.

Di seguito il libretto completo dell’iniziativa distribuito ai partecipanti.

Libretto preghiera interreligiosa – 6 ott 2018

 

 

[foto articolo della fondazione opera della campana]

,

Camminata per la pace a Rovereto, sabato 6 ottobre 2018.

Un secolo fa stava per terminare la grande guerra. Un orrore che sconvolse il mondo intero per quattro lunghi anni provocando infiniti lutti e devastazione. Furono tra i 15 e i 17 milioni i morti  militari e civili del conflitto, oltre 20 milioni i feriti e mutilati, cui si sommano i 20 milioni di decessi per l’influenza spagnola che seguì la guerra.   Rovereto era allora una città in prima linea, le cannonate si avvertivano distintamente e le famiglie erano spesso divise vedendo i propri figli  combattere su fronti opposti. Una guerra tra fratelli di sangue che assurge a simbolo di quello che ogni conflitto rappresenta: una guerra tra fratelli di umanità .

Nel centenario del conflitto si propone quindi a Rovereto (TN), una camminata che partirà alle 18.15 di sabato 6 ottobre da un luogo simbolo della guerra : il sacrario monumentale di Casteldante che conserva i resti di ventimila caduti di diverse  nazionalità, per raggiungere il colle di Miravalle dove sorge la campana dei caduti, che venne fusa nel 1924 con il bronzo dei cannoni e che da allora ogni sera suona con i suoi 100 rintocchi come monito e richiamo all’intera umanità della necessità di unirsi nella pace.

Si prevedono gli interventi del Prof. Camillo Zadra, direttore del museo della guerra di Rovereto, la rappresentazione di “Armonicamente dal fronte” dell’associazione  2 GiGa teatro musicato. Infine si udranno le preghiere dei rappresentanti delle singole religioni che animano il tavolo delle religioni della Vallagarina dove è presente anche la nostra chiesa. Sarà  l’occasione per la proclamazione di una dichiarazione comune per la pace, sottoscritta dalle diverse confessioni.

Un’opportunità di spessore quindi alla quale tutti sono invitati, che assume ulteriore valore alla luce del ruolo che le diverse fedi hanno per costruire la pace, allora come oggi, dove una società multietnica e multireligiosa rende ancor più necessario il dialogo.

Ci sembrano attuali come non mai le parole di Hans Kueng:

Non c’è pace tra le nazioni senza pace tra le religioni.

Non c’è pace tra le religioni senza dialogo tra le religioni.

Non c’è dialogo tra le religioni senza criteri etici globali.

Non c’è sopravvivenza del nostro globo senza un ethos globale, un’etica mondiale.

 

 

(vedi locandina per dettagli)

Alessandro Serena

,

Contro ogni violenza e discriminazione: comunicato della chiesa metodista e valdese di Verona.

La chiesa metodista e valdese di Verona condanna duramente gli attacchi sia omofobi sia razzisti che si stanno ripetendo sempre più di frequente nella nostra città. Gesti che sono fondati su una cultura di rifiuto di ogni diversità e sulla violenta omologazione. Come credenti in Cristo Gesù affermiamo l’amore e la cura per ogni persona umana, creata a immagine e somiglianza di Dio.

 

,

CONFERENZA II DISTRETTO 15-17 GIUGNO 2018 A TORRE PELLICE

Con la partecipazione di 100 persone tra pastori, presidenti dei consigli di chiesa e deputati delle comunità, si è tenuta a Torre Pellice (To), dal 15 al 17 giugno, la Conferenza del II Distretto della Chiesa Valdese, comprensivo delle comunità dell’Italia del Nord, escluso il Piemonte.

Si tratta di un parlamento “zonale” che riflette e delibera ad un livello intermedio tra l’assemblea delle chiese locali e il Sinodo, assemblea nazionale.

In evidenza quest’anno due questioni:

1) l’esito di una indagine condotta con i metodi statistici della sociologia, sulla consistenza della chiesa, sulla partecipazione al culto ed alle attività; è possibile ricondurre i dati presentati dal prof. Paolo Naso, uno dei principali curatori, a due elementi essenziali posti all’attenzione delle chiese: siamo in un processo di “stabile decrescita”, in particolare nelle comunità del sud Italia, crisi segnalata soprattutto dalla mancanza di Scuole Domenicali (scuola biblica per i bambini) di cui molte chiese sono prive. Pur consapevoli che il dato quantitativo non può spiegare da solo la complessità di vita di una confessione di minoranza né tanto meno rappresentare l’azione dello Spirito che sfugge a misurazioni di questo tipo, si è detto che l’importanza di questa fotografia statistica sta nello stimolo a guardarsi, a scegliere in quale direzione si vuole andare, a ripartire su nuove progettualità che rilancino, in particolare, l’attenzione alla narrazione della fede ai bambini, accogliendo anche la domanda di una formazione biblica ai loro figli, che viene da genitori esterni alle comunità, che non sono membri di chiesa, come avvenuto in una delle chiese presenti.

2) Lo stato del dialogo ecumenico con la chiesa cattolica romana è stato il secondo grande focus della conferenza, all’indomani del forum organizzato a Bergamo lo scorso mese di marzo.

L’introduzione al dibattito proposta della pastora Maria Bonafede ha segnalato la necessità attuale del dialogo ecumenico perché non è possibile sottrarsi ad esso in una società dove numerose sono le proposte attive (Islam, pentecostalismo, Unione atei e razionalisti…) sia perché un’identità religiosa senza dialogo rischia l’autoreferenzialità: l’idea di aver ragione da soli è cosa fuori tempo.

Circa le differenze dottrinarie con la chiesa cattolica sulla concezione della chiesa e dei ministeri, esse permangono ma al loro interno si è visto che è possibile fare dei pezzi di strada insieme, come è successo nell’accordo tra cattolici e luterani sulla giustificazione per fede; questi percorsi di strada comune attivano sentimenti che si possono praticare. Accanto a questo la chiarezza delle posizioni non deve essere oscurata, al contrario essa deve accompagnare il percorso ecumenico che procede secondo un “consenso differenziato” e con delle “asimmetrie teologiche”, per usare le parole del pastore Clavairoly, presidente della Federazione protestante di Francia e relatore al forum di Bergamo.

Elisa Vicentini