Io mi farò trovare da voi – Predicazione di domenica 21 ottobre 2018

LETTURE BIBLICHE: Geremia 29:1-14

1 Queste sono le parole della lettera che il profeta Geremia mandò da Gerusalemme, al residuo degli anziani, in cattività, ai sacerdoti, ai profeti e a tutto il popolo che Nebukadnetsar aveva condotto in cattività da Gerusalemme a Babilonia.
2 (Questo avvenne dopo che il re Jekoniah, la regina, gli eunuchi, i principi di Giuda e di Gerusalemme, gli artigiani e i fabbri furono usciti da Gerusalemme).
3 La lettera fu recata per mezzo di Elasah, figlio di Shafan, e di Ghemariah, figlio di Hilkiah, che Sedekia, re di Giuda, aveva mandato a Babilonia da Nebukadnetsar, re di Babilonia. Essa diceva: 4 “Così dice l’Eterno degli eserciti, il DIO d’Israele, a tutti i deportati che io ho fatto condurre in cattività da Gerusalemme a Babilonia:
5 Costruite case e abitatele, piantate giardini e mangiate i loro frutti.
6 Prendete mogli e generate figli e figlie; prendete mogli per i vostri figli e date le vostre figlie a marito, perché generino figli e figlie e perché là moltiplichiate e non diminuiate.
7 Cercate il bene della città dove vi ho fatti condurre in cattività e pregate l’Eterno per essa, perché dal suo benessere dipende il vostro benessere.
8 Così dice infatti l’Eterno degli eserciti, il DIO d’Israele: Non vi traggano in inganno i vostri profeti e i vostri indovini che sono in mezzo a voi, e non date retta ai sogni che fate.
9 Poiché vi profetizzano falsamente nel mio nome; io non li ho mandati”, dice l’Eterno.
10 “Così dice l’Eterno: Quando saranno compiuti settant’anni per Babilonia, io vi visiterò e manderò ad effetto per voi la mia buona parola, facendovi ritornare in questo luogo.
11 Poiché io conosco i pensieri che ho per voi”, dice l’Eterno, “pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e una speranza.
12 Mi invocherete e verrete a pregarmi, e io vi esaudirò.
13 Mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore.
14 Io mi farò trovare da voi”, dice l’Eterno, “e vi farò tornare dalla vostra cattività; vi raccoglierò da tutte le nazioni e da tutti i luoghi dove vi ho dispersi”, dice l’Eterno; “e vi ricondurrò nel luogo da cui vi ho fatto condurre in cattività.

Carissimi fratelli e sorelle in Cristo,
circa 500 anni prima di Cristo, nel 586 a. C., tutte le persone istruite di Gerusalemme vennero deportate a Babilonia: Anziani, sacerdoti, profeti, artigiani, scultori, i fabbri, i consiglieri, la regina, e il re Jekonia.
La potenza babilonese era vista come oppressiva e la speranza del ritorno diventava sempre più flebile.
Motivo costante, opprimente e angosciante di gran parte dell’opera di Geremia è l’annuncio della catastrofe imminente e delle terribili punizioni che colpiranno a tutti i livelli la società che si è rifiutata di piegarsi alla volontà divina. Ma se Geremia arriva alle espressioni più violente nella critica del male, in coerenza alla sua visione che non può consentire alcun compromesso, egli è anche l’uomo capace di consigliare e indirizzare i suoi fratelli in pace e serenità, nella prospettiva di tempi migliori. Il suo è un importante messaggio ai primi esuli ebrei in Babilonia, che si chiedevano come reagire alla violenza subita, se e come iniziare una nuova vita, ed erano disorientati da promesse e annunci falsi di liberazione. A loro Geremia indirizza una lettera che è un lucido documento di realismo politico, che tuttavia in nulla cede moralmente, e che chiarisce i termini della salvezza; questa vi sarà, ma non subito, per cui sarà bene che gli esuli riprendano una vita normale, costruendo case, lavorando e sposandosi, e adoperandosi per la pace della società che li ospita (29:1-15). Pochi versi come questi hanno avuto tanto impatto nelle successive vicende della storia ebraica, come guida al comportamento nella Diaspora.
Costruite case e abitatele, prendete mogli e generate figli e figlie. Moltiplicatevi e non diminuite. Cercate il bene della città dove io vi ho fatto condurre in cattività e pregate l’Eterno per essa, perché dal suo benessere dipende il vostro benessere.
Resistete e integratevi, vivete: un programma che Geremia propone a coloro che sono esuli, in una terra lontana, perché la salvezza avverrà, ma non è ancora vicina.
Passeranno 70 anni e poi il Signore rivelerà la sua bontà e la sua misericordia permettendo il ritorno del popolo. Fino ad allora però il profeta chiede al popolo di vivere pienamente nel luogo dove si trova, di integrarsi pienamente, di cercare addirittura il bene, lo shalom, della città e della nazione nella quale essi vivono.
Oggi le deportazioni forzate non avvengono più come ai tempi del profeta Geremia, ma i movimenti dei popoli e delle persone umane sono anche maggiormente evidenti rispetto al passato. Le persone oggi sono costrette a muoversi per via della carestia, della mancanza di libertà o di condizioni adatte alla vita. E per tutti coloro che si trovano a vivere in terra straniera, anche oggi, per tutti i migranti o gli emigrati o i deportati vale ancora oggi questa parola del Profeta: cercate il benessere della città nella quale vivete , perché da esso dipende il vostro benessere.
Cercare il benessere di una città e di una nazione però non è cosa semplice, perché per fare del bene non basta importare i nostri modelli e la nostra cultura di origine: bisogna integrarsi, bisogna imparare a conoscersi, e in un certo modo anche a volersi bene.
Un modello certamente non facile quello che ci propone il profeta, perché significa entrare in relazione; prenderete mogli per voi e per i vostri figli e per le vostre figlie e soprattutto, vi moltiplicherete e non diminuirete.
La continuità del popolo dipende dal legame con la nazione nella quale vivono, le due cose non possono essere separate.
Infine l’amara verità, che contiene però anche una grande promessa.. dopo settanta anni.. 12 Mi invocherete e verrete a pregarmi, e io vi esaudirò.
13 Mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore.
14 Io mi farò trovare da voi”, dice l’Eterno, “e vi farò tornare dalla vostra cattività; vi raccoglierò da tutte le nazioni e da tutti i luoghi dove vi ho dispersi”, dice l’Eterno; “e vi ricondurrò nel luogo da cui vi ho fatto condurre in cattività.
70 anni però sono due o tre generazioni… probabilmente chi ricevette questa lettera dal parte del profeta Geremia non fu tra coloro che rientrarono in patria…
E questa amara promessa è trasversale alla fede biblica: chi entrò nel deserto non fu la generazione che ne uscì, così come i credenti che conobbero personalmente Gesù non sono più qui oggi a testimoniare insieme a noi.
Probabilmente non saremo i testimoni del ritorno, così come non erano gli esuli che ricevettero la lettera di Geremia, ma possiamo preparare il futuro, predisporre i cambiamenti necessari affinché le generazioni future possano prosperare e con esse la civiltà nella quale crescono. A noi spetta il compito di trasmettere la fede certa che il Signore mai ci abbandona, e che tornerà per darci un futuro e una speranza.
Amen

Pastora Laura Testa

,

Camminata per la pace a Rovereto: quando la memoria è difesa innanzitutto dei più deboli.

Sabato 6 ottobre 2018, in occasione dell’avvicinarsi della ricorrenza del termine della prima guerra mondiale, si è tenuta la camminata per la pace a Rovereto, organizzata dal tavolo delle religioni, dal comune di Rovereto e dalla zona pastorale della Vallagarina . Il prof. Camillo Zadra, direttore del museo della guerra di Rovereto ha illustrato all’interno dell’ossario la sua genesi e la funzione, come esso raccolga le spoglie degli innumerevoli soldati i cui resti la terra delle nostre montagne (e non solo),  ha restituito per anni dal termine della guerra. La pioggia non ha impedito ai partecipanti, uniti dalla profonda pietà per i caduti e dal rifiuto di ogni conflitto di recarsi alla campana dei caduti, percorrendo sentieri che un tempo correvano tra le trincee ed oggi sono percorsi da operatori di pace di ogni confessione.

Toccante, coinvolgente, un vero grido con la guerra, stonatura drammatica per l’umanità , lo spettacolo offerto dall’associazione 2GiGa “Armonicamente dal fronte”: la guerra non solo di chi ha combattuto, ma di chi ha atteso a casa, la guerra delle donne, consumate dall’ansia per la sorte dei  mariti , figli e padri lontani. Il dramma di chi ogni giorno aspettava una lettera , una notizia, testimonianza delle donne trentine, di un popolo tacciato spesso di tradimento durante il conflitto dall’una e dall’altra parte;  donne  simbolo di come  le vittime della storia siano sempre e comunque nel mezzo.

E’ seguita la dichiarazione comune per la pace, condivisa dalle singole confessioni presenti (testo nel libretto della manifestazione al link in calce all’articolo). Le note dell’ottimo minicoro di Rovereto hanno risuonato, inframezzando le preghiere dei singoli rappresentanti delle religioni che animano il tavolo: un vero richiamo alla pace da chi per primo ne ha diritto, i bimbi .

Di seguito la preghiera rivolta al Signore a nome della chiesa valdese (scritta dalla past. Laura Testa e pronunciata dal fratello Alessandro Serena):

10 La bontà e la verità si sono incontrate, la giustizia e la pace si sono baciate.

11 La verità germoglia dalla terra e la giustizia guarda dal cielo.

12 Anche il SIGNORE elargirà ogni bene e la nostra terra produrrà il suo frutto.

13 La giustizia camminerà davanti a lui, e seguirà la via dei suoi passi.

(Sal 85:10-13 NRV)

Carissimi fratelli e sorelle riuniti qui oggi vogliamo metterci in ascolto reciproco ed elevare insieme le nostre preghiere al Dio della pace, dell’amore, della verità e della misericordia.

Signore Iddio nostro siamo giunti in questo luogo da strade e da percorsi di vita diversi, ognuno ed ognuna di noi ti ha incontrato in una tradizione specifica, in una religione diversa, eppure ci riconosciamo come parte dell’unica famiglia umana.

Il nostro essere qui stasera indica un cammino che abbiamo intrapreso insieme e che ti chiediamo di benedire e di accompagnare con la tua Presenza: ci ha guidati la speranza comune che Tu desideri la felicità, la realizzazione umana, la comprensione reciproca, e la fine di ogni conflitto.

In questi giorni difficilissimi in cui ancora si parla di confini contesi, di frontiere chiuse, di luoghi in cui rinchiudere gli esseri umani al fine di ergere barriere sempre più alte, noi ci appelliamo a Te, che solo puoi salvare le nostre esistenze, apri i nostri occhi affinché sappiamo riconoscere in ogni anima che vive e respira, il soffio vitale che tu hai messo in noi. Dacci o Signore di poter trovare la via dell’accoglienza di Te, attraverso l’amore per i nostri simili.

Desideriamo ripudiare la guerra, e per farlo abbiamo bisogno di amarci, conoscerci, stimarci e rispettarci: insegnaci o Signore i gesti che incontrano senza ferire, le parole che chiedono senza invadere, l’amore che permette la libertà e la diversità.

Stasera abbiamo ascoltato il suono di una campana molto particolare, perché è stata formata dalla fusione dei cannoni utilizzati per sparare ed uccidere in guerra, una campana che con il suo rintocco in queste valli , ricorda a tutti coloro che l’odono l’orrore della guerra e la calma serena della pace.

Ti chiediamo Signore, sopra ogni cosa, di fare di noi le tue campane viventi, donne e uomini credenti di religioni diverse, che con timbri diversi ricordano e insegnano la pace: attraverso il segno del nostro incontro stasera, attraverso le nostre relazioni affermiamo la fine di ogni settarismo, di volontà di dominio e di scomunica reciproca.

Dio della Vita accogli le nostre preghiere e insegnaci la strada.

Amen

Al termine sono risuonati 100 rintocchi della campana dei caduti: un “mai più” che risuona ogni sera nella valle , perchè risuoni ogni giorno nelle anime.

Di seguito il libretto completo dell’iniziativa distribuito ai partecipanti.

Libretto preghiera interreligiosa – 6 ott 2018

 

 

[foto articolo della fondazione opera della campana]

Che è il buon ministro di Gesù Cristo? – Predicazione di domenica 7 Ottobre 2018

1 Or lo Spirito dice espressamente che negli ultimi tempi alcuni apostateranno dalla fede, dando ascolto a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, 2 per l’ipocrisia di uomini bugiardi, marchiati nella propria coscienza, 3 i quali vieteranno di maritarsi e imporranno di astenersi da cibi che Dio ha creato, affinché siano presi con rendimento di grazie da coloro che credono e che hanno conosciuto la verità. 4 Infatti tutto ciò che Dio ha creato è buono e nulla è da rigettare, quando è usato con rendimento di grazie, 5 perché è santificato dalla parola di Dio e dalla preghiera. 6 Proponendo queste cose ai fratelli, tu sarai un buon ministro di Gesù Cristo, nutrito nelle parole della fede e della buona dottrina, che hai seguito da vicino.

(1Ti 4:1-6 LND)

Ma chi è il buon ministro di Gesù Cristo? Cosa è chiamato a fare? Quale è la maniera corretta di vivere la nostra chiamata al servizio?

La prima lettera a Timoteo ci viene incontro e ci offre alcune delucidazioni; prima di tutto ci mette in guardia: tutto ciò che Dio ha creato è buono e nulla è da rigettare.

Una parola fondamentale che parla dell’etica cristiana: lo Spirito ci rende accorti che un segno degli ultimi tempi sarà uno spirito settario e di divisione, che cercherà di distinguere tra ciò che è buono e ciò che non lo è, ma ricordatevi che tutto ciò che è creato da Dio è buono, e va usato con rendimento di grazie, santificato dalla parola di Dio e dalla preghiera.

L’intera vita dei credenti è quindi da rivedere alla luce di questa attività triplice: rendere grazie, essere santificati dalla Parola di Dio e rivolgersi a Dio nella preghiera.

La libertà che Dio ci offre è sperimentabile infatti proprio nel riconoscere che siamo parte di un progetto più grande di noi: apparteniamo a Dio, siamo suoi figli e figlie, nel Creato di Dio.

Quindi siamo qui oggi, un’assemblea di Santi, chiamati ad essere ministri del Signore e a costruire, grazie al dono del suo Santo Spirito, una comunità di apostoli che annunciano la Santa Parola di Dio al mondo.

E l’Evangelo è ciò che garantisce il “successo” del nostro ministero: se tu dirai queste cose, se le proporrai loro sarai un buon ministro di Gesù Cristo, nutrito nelle parole della fede e della buona dottrina che hai seguito da vicino ci dice l’apostolo.

Se è l’Evangelo a sostenere le nostre esistenze e il nostro successo è nelle mani di Dio, siamo liberati dalle nostre ansie e dalle nostre preoccupazioni quotidiane: un giorno un fratello senza lavoro e senza nulla da mangiare mi disse sorridendo, il Signore mi aiuterà, non c’è da disperare.

Ecco quindi, rimettere al centro delle nostre vite l’azione protettiva ed amorevole di Dio che sempre ci accompagna, senza essere preoccupati del “resto”, perché esso è nelle mani del Signore.

Piuttosto invece tutto ciò che noi desideriamo fare e sperimentare al Servizio di Dio, della Chiesa, dei fratelli e delle sorelle, del mondo e delle nostre famiglie, questo facciamolo sempre rendendo grazie.

Il rendere grazie infatti cambia il mondo attorno a noi: Grazie Signore perché oggi sono qui insieme ai miei fratelli e alle mie sorelle, grazie Signore perché mi hai donato capacità, abilità e sapienza per poter fare qualcosa al tuo santo Servizio e io sono lieto di farlo.

Sono felice, sono riconoscente, sono allegro e grato di ciò che il Signore ha predisposto per me.

Questo atteggiamento cambia la Chiesa e le nostre relazioni in meglio, perché se non sono lieto e gioioso nello svolgere un Servizio, se non riesco a rendere grazie allora quello è il momento in cui la preghiera viene in soccorso: l’appello accorato di chi implora l’azione salvifica di Dio per sé e per la Chiesa.

Se faremo questo come ministri della Chiesa, il nostro servizio sarà buono ed efficace, perché il Signore ci offre la sua vicinanza ed il suo supporto.

Certamente ci saranno tentazioni e ci saranno quelli che proveranno ad imporre divisioni, discipline diverse, che proveranno a dividere tra ciò che è buono e ciò che non lo è, oppure ancora a discernere tra quei fratelli che sono santi e quelli che non lo sono. Ma fratelli e sorelle, solo Dio conosce i suoi e nulla di ciò che ha creato è da rigettare.

Anche se talvolta può risultare difficile, la liberà di Dio sta proprio in questo, nel fatto che in Lui e per Lui anche le cose o le persone che ci sembrano pericolose o distruttive possono essere di grande testimonianza per la fede. Ad esempio alcune Chiese non mangiano la carne durante la quaresima oppure dicono che bisogna astenersi sempre dal bere alcolici, ma non è così: bisogna accogliere la creazione bella di Dio, ma nell’usarla bisogna ricordarsi la misura. Non è bene ubriacarsi, così come non è bene mangiare carne tutti i giorni, e anche nel digiuno, bisogna prestare attenzione a non strafare, perché potrebbe affaticare i nostri organi interni. Allo stesso modo con le persone, bisogna accogliere tutti e ciascuno, come creature di Dio e non rigettare nessuno nelle tenebre, ma spingere sempre di più le menti ed i cuori all’amore di Cristo e all’amore reciproco, rendendo grazia ed intercedendo gli uni per gli altri, sapendo che la verità e la giustizia dimorano in Dio e che Egli ci guarda misericordioso.

Past. Laura Testa