Rebecca e Maria di Magdala detta Maddalena

Cosa accomuna due figure tanto distanti cronologicamente? La fede e la “familiarità” con Dio.

Rebecca, Rivka, è la più potente tra le matriarche e tra le donne della Bibbia è quella che parla di più di tutte le altre: lei parla con il servo di Abramo, parla con la propria famiglia e dà il proprio assenso al fidanzamento con Isacco; Riceve la benedizione ancestrale sulla propria discendenza.

Rebecca è l’unica donna della Biblia Hebraica di cui si narri che rivolge un oracolo al Signore e lo interpreta decidendo le sorti di Giacobbe e di Esaù, designando il proprio erede.

Una donna forte, che agisce per salvaguardare la fede ancestrale della propria famiglia e prende decisioni in maniera autonoma. Rebecca e le sue scelte rivelano però una politica conflittuale e nazionalista, che verrà superata dopo lunghe traversie nell’etica di Israele che accoglie anche i figli della straniera come parte del popolo.

Maddalena è “la” discepola di Gesù per eccellenza, colei che “condivide” con lui la testimonianza, lo accompagna fino al Golgota e lo incontra in visione dopo la Resurrezione.

Una discepola che sembra conoscere Gesù e la sua visione anche meglio di Pietro, Andrea e Levi, la cui testimonianza è stata riportata in tantissima letteratura apocrifa e il cui ricordo non è taciuto nel Secondo Testamento a significare il forte contributo e la presenza delle donne al fianco di Gesù.

Pastora Laura Testa