Entra, figlio mio, entra figlia mia! – Predicazione di domenica 17 giugno 2018

LETTURE BIBLICHE: Luca 15,11-32; I Giovanni 4,7-11

11 «Un uomo aveva due figli. 12 Il più giovane di loro disse al padre: “Padre, dammi la parte che mi spetta della proprietà”. Ed egli distribuì tra loro il patrimonio. 13 E dopo pochi giorni, raccolta ogni cosa, il figlio più giovane partì per un viaggio in una regione lontana e là dilapidò quanto possedeva, vivendo dissolutamente. 14 Quando ormai aveva speso ogni cosa, venne una carestia terribile in quella regione e lui cominciò a trovarsi nel bisogno. 15 Andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, ed egli lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. 16 e lui desiderava nutrirsi delle carrube che mangiavano i porci, ma nessuno gliene dava. 17 Ritornato in sé, disse: “I salariati di mio padre abbondano di pane e io qui muoio di fame! 18 Mi alzerò, andrò da mio padre, e gli dirò: Padre, ho peccato contro il cielo e davanti a te; 19 non sono più degno di essere chiamato tuo figlio; trattami come uno dei tuoi salariati”. 20 E alzatosi se ne andò da suo padre. Mentre era ancora lontano, suo padre lo vide e si commosse. Gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. 21 Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato contro il cielo e davanti a te, non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. 22 Ma suo padre disse ai suoi servi: “Presto! Portatemi la veste migliore e vestitelo, mettetegli un anello al dito e dei sandali ai piedi, 23 portate il vitello ingrassato e festeggiamo con un lauto pasto, 24 perché questo mio figlio era morto ma è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa. 25 Il figlio maggiore era nei campi; e sulla via del ritorno, come si fu avvicinato alla casa, udì che si danzava al suono dei flauti; 26 chiamato uno dei servitori, chiedeva cosa stesse accadendo. 27 Quello gli disse: “Tuo fratello è giunto e tuo padre ha macellato il vitello ingrassato, perché lo ha riavuto indietro sano e salvo”. 28 Udito ciò, egli si adirò e non voleva entrare. Suo padre allora uscì e lo pregava di entrare. 29 Egli rispose dicendo a suo padre: “Ecco, ti ho servito tutti questi anni e non ho mai trasgredito alcun tuo comando, eppure non mi hai mai dato neppure un capretto per far festa con i miei amici. 30 Ma quando questo tuo figlio, che ha divorato il tuo patrimonio con le prostitute, è arrivato, hai macellato per lui il vitello ingrassato”. 31 Allora il padre gli rispose: “Figlio, tu sei sempre con me, e ogni cosa mia è tua. 32 Ma era giusto fare festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto maè tornato in vita, era perduto ma è stato ritrovato”».
Luca 15,11-32

7 Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio e chiunque ama è nato da Dio e conosce Dio. 8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. 9 In questo si è manifestato per noi l’amore di Dio: che Dio ha mandato il suo Figlio unigenito nel mondo affinché, per mezzo di lui, vivessimo. 10 In questo è l’amore: non che noi abbiamo amato Dio, ma che egli ha amato noi, e ha mandato suo Figlio per essere il sacrificio propiziatorio per i nostri peccati. 11 Carissimi, se Dio ci ha tanto amati, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri.
I Giovanni 4,7-11

La parabola che abbiamo letto oggi racconta la storia di due giovani ebrei, due fratelli tra loro molto diversi: entrambi ci risultano familiari e ognuno di noi può probabilmente riconoscersi nell’uno o nell’altro.
Il maggiore è attento alla Legge, obbediente, devoto alle prescrizioni imposte dalla religione, oltre che dall’educazione, ma talmente rigido nella sua obbedienza da non saper trarne alcun piacere. Fa’ il suo dovere, coscienziosamente, ma senza metterci il cuore, senza assumersi veramente la responsabilità di quello che fa. Nulla fa presagire che agisca per amore del lavoro, o del padre, o della terra, ma sembra che si impegni solamente perché così si deve fare. Il suo mondo comincia e finisce nel suo dovere e non pare avere altri orizzonti. Potrebbe chiedere un capretto al padre per fare una festa con gli amici, ma non gli viene neppure in mente di poterlo fare. Così rinchiuso nel suo dovere non capisce il padre. Non può capirlo, perché il padre, invece, dimostra di essere spinto prioritariamente dall’amore sia quando regala in anticipo le sue proprietà al figlio minore, lasciandolo libero di seguire la propria strada, sia quando lo accoglie a braccia aperte: così facendo egli trasgredisce proprio al suo dovere, inteso come applicazione rigida di leggi e consuetudini. L’amore, sembra voler dire il padre al suo primogenito, non si può calcolare con il bilancino del ragioniere. Come risuona dentro di noi questa situazione? Possiamo riconoscerci in questa incapacità del figlio maggiore di buttare, come si dice in Italia, il cuore oltre l’ostacolo, senza fare calcoli, senza soppesare con il metro le situazioni?
Il minore, al contrario, respinge la tradizione, rifiuta il dovere e chiede al padre non solo di potersene andare, ma anche di ricevere subito la sua parte di eredità, benché la legge ebraica prevedesse dei precisi limiti. Egli infatti pretende, e ottiene, l’utilizzo pieno della sua parte, che finirà col dissipare, mentre per la Legge israelitica lui avrebbe potuto vendere quello che gli sarebbe spettato solo dopo la morte del padre. Addirittura, quando sarà in gravi difficoltà economiche accetterà di tenere i maiali, pur sapendo che era proibito ai buoni israeliti ed esisteva una sentenza giudaica che affermava “Maledetto l’uomo che alleva maiali”. Un ragazzo che non vuole prendere sul serio la propria vita ed assumersi le sue responsabilità, ma solo ribellarsi a quello che sente essere un fardello troppo pesante per le sue spalle. Qualcuno di noi, forse, può riconoscersi in questo giovane uomo e nella sua incapacità di diventare adulto e di prendere sul serio le proprie responsabilità.

Ma il vero protagonista della parabola è il padre: questo padre che ci sconcerta e ci stupisce. Questo padre che in fondo ci sembra un po’ ingiusto: ma come, vorremmo dirgli, perché reintegrare il figlio che se ne è andato? Comprendiamo le aspettative del ragazzo: suo padre non tratta così male i suoi servi e quindi va da lui, sarà servo, ma avrà da mangiare tutti i giorni e potrà vivere una vita dignitosa. Questa richiesta ci sembra legittima, accettabile: il ragazzo è pentito, si può perdonarlo, accoglierlo, ma nel riprenderlo in casa non bisogna mai fargli dimenticare la sua colpa. Ha rinunciato ad essere figlio? E allora che viva da servo invece che da figlio. Si è accorto tardi del suo errore, ora sarebbe troppo comodo essere reintegrato come nulla fosse. E che diamine, c’è una giustizia a questo mondo, o no? Il ragazzo stesso ne è consapevole: proprio perché ha toccato il fondo, non si aspetta niente, non si sente in credito di niente. E’ come la peccatrice perdonata, come il pubblicano di cui ci ha parlato il sermone di due settimane fa. Chiede aiuto, benché sappia di non meritare nulla.

E invece il padre cosa fa? Gli corre incontro, non lo lascia neppure parlare, ma lo abbraccia e lo bacia, attraverso i simboli della veste, dell’anello e delle scarpe lo reintegra completamente, e infine macella per lui il vitello grasso: il piccolo è nuovamente uno della famiglia, il figlio amato che si credeva perduto è tornato.

Ma così facendo, vorremmo dire, e quante volte ci è capitato di dire, ha defraudato il figlio maggiore, quello buono, quello nel quale molti di noi si riconoscono. Ma come, noi che ci impegniamo tanto, noi che lavoriamo con tanta fatica, dobbiamo essere defraudati da coloro che invece non fanno nulla? Il figlio minore ha già ricevuto quello che gli spettava, ora tutto il resto è rubato al maggiore! A noi piace sentirci perdonati come il figlio minore, piace identificarci con lui e sentirci accolti, ma poi, nella realtà concreta delle nostre vite spesso ci comportiamo come il figlio maggiore. Facciamo il nostro dovere e vogliamo essere ricompensati. E di fronte a tanta generosità da parte del padre ci sentiamo un tantino indignati o almeno perplessi: quello che se ne è andato non è più un fratello, non è più nostro fratello, perché ha tradito le nostre aspettative, ha tradito la nostra fiducia. Perché accoglierlo con tutti gli onori?
Ma il maggiore ha davvero ragione di lamentarsi? In realtà, se leggiamo con attenzione, il padre ama ed accoglie non solo il figlio minore, il figliol prodigo, ma accoglie anche lui, il maggiore, anche se il suo peccato è diverso e meno riconoscibile per la società dell’epoca e anche per la nostra. Cos’ha da farsi perdonare il primogenito? Lavora, vive col padre, non si ribella, non è dunque un bravo figlio? Quello che gli manca è l’amore, l’amore! Il primo comandamento è proprio quello che il ragazzo non riesce a seguire. E’ talmente preso dalla certezza dei suoi diritti e doveri che scorda il primo e più importante comandamento «”Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e il primo comandamento. Il secondo, simile a questo, è: “Ama il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la legge e i profeti». (Matteo 22,37-40). Il figlio maggiore, come tanto spesso anche noi, suoi servi fedeli e volenterosi, ha dimenticato il primo e più importante comandamento, quello da cui dipendono tutti gli altri, quello dell’amore. Ha dimenticato di amare il fratello, invece che giudicarlo, e di amare il padre, che è generoso verso di lui e verso il fratello. Ma il padre lo maledice per questo? Lo dimentica forse, inebriato dal ritorno del figlio minore? No! Al contrario, va incontro anche a questo. Saputo che non voleva entrare, esce per la seconda volta da casa, lui che è il padrone, il padre in una società patriarcale, lui che potrebbe restare immobile nella sua posizione di potere, rinuncia ai suoi attributi ed esce, va incontro a questi due figli, prima all’uno e poi all’altro. Ed esce perché li ama, entrambi.

Ecco la buona novella di stamattina: il padre, cioè il nostro Padre che è nei cieli, gioisce ogni volta che noi, pentiti, torniamo verso di Lui, ma anche ci raccoglie, ci ascolta, ci accompagna. Ascolta i nostri mugugni, apre le braccia e ci prega di entrare! Sì, fratelli e sorelle, Dio ci ama talmente tanto che malgrado il nostro peccato, malgrado i nostri tradimenti, il nostro sentirci sempre nel giusto nonostante Lui, la nostra difficoltà a pentirci sul serio e quindi a cambiare radicalmente la nostra vita, nonostante tutto ciò, Egli esce, ci viene incontro, ci prega di entrare e di gioire insieme a Lui!
Amen!

Erica Sfredda