Le cose di prima sono passate, Dio fa nuove tutte le cose. Predicazione di domenica 25 novembre 2018.

LETTURE BIBLICHE

8 Ma voi, carissimi, non dimenticate quest’unica cosa: per il Signore un giorno è come mille anni, e mille anni sono come un giorno. 9 Il Signore non ritarda l’adempimento della sua promessa, come pretendono alcuni; ma è paziente verso di voi, non volendo che qualcuno perisca, ma che tutti giungano al ravvedimento. 10 Il giorno del Signore verrà come un ladro: in quel giorno i cieli passeranno stridendo, gli elementi infiammati si dissolveranno, la terra e le opere che sono in essa saranno bruciate. 11 Poiché dunque tutte queste cose devono dissolversi, non dovreste voi avere un comportamento santo e pio, 12 mentre attendete e affrettate la venuta del giorno di Dio, in cui i cieli infocati si dissolveranno e gli elementi infiammati si scioglieranno? 13 Ma, secondo la sua promessa, noi aspettiamo nuovi cieli e nuova terra, nei quali abiti la giustizia. 14 Perciò, carissimi, aspettando queste cose, fate in modo di essere trovati da lui immacolati e irreprensibili nella pace; 15 e considerate che la pazienza del nostro Signore è per la vostra salvezza. (2Pt 3,8-15)

22 Nella santa città non vidi alcun tempio, perché il Signore, Dio onnipotente, e l’Agnello sono il suo tempio. 23 La città non ha bisogno di sole, né di luna che la illumini, perché la gloria di Dio la illumina, e l’Agnello è la sua lampada. 24 Le nazioni cammineranno alla sua luce e i re della terra vi porteranno la loro gloria. 25 Di giorno le sue porte non saranno mai chiuse (la notte non vi sarà più); 26 e in lei si porterà la gloria e l’onore delle nazioni. 27 E nulla di impuro, né chi commetta abominazioni o falsità, vi entrerà; ma soltanto quelli che sono scritti nel libro della vita dell’Agnello. 1 Poi mi mostrò il fiume dell’acqua della vita, limpido come cristallo, che scaturiva dal trono di Dio e dell’Agnello. 2 In mezzo alla piazza della città e sulle due rive del fiume stava l’albero della vita. Esso dà dodici raccolti all’anno, porta il suo frutto ogni mese e le foglie dell’albero sono per la guarigione delle nazioni. 3 Non ci sarà più nulla di maledetto. Nella città vi sarà il trono di Dio e dell’Agnello; i suoi servi lo serviranno, 4 vedranno la sua faccia e porteranno il suo nome scritto sulla fronte. 5 Non ci sarà più notte; non avranno bisogno di luce di lampada, né di luce di sole, perché il Signore Dio li illuminerà e regneranno nei secoli dei secoli. (Ap 21, 22-27; 22,1-5)

 

SERMONE

Cari fratelli e care sorelle, la prima epistola di Pietro scrive “Glorificate il Cristo come Signore nei vostri cuori. Siate sempre pronti a render conto della speranza che è in voi a tutti quelli che vi chiedono spiegazioni.” Dare conto della speranza che è in noi,  questo vuol dire essere credenti. Siamo qui insieme per alimentare questa speranza, per viverla nell’allegria e renderla duratura. Quale più grande speranza possiamo concepire se non il giorno del Signore, la fine del tempo che conosciamo? La speranza di una nuova Gerusalemme in cui il Signore prepari le dimore dove mangerà la Pasqua con ciascuno di noi dopo la morte? La speranza di un luogo.  Come dice Gesù  al cap 14 del Vangelo di Giovanni, “quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io siate anche voi”. Questa speranza ci aiuta a non rimuovere totalmente l’evento finale delle nostre vite. Questa speranza  va oltre la paura della morte, paura che alberga dentro ciascuno di noi. Questa speranza mi aiuta a sopportare quello che mi fa male e mi tormenta cioè la morte mia …. la paura della morte dei miei parenti, dei miei amici.. e tanti già non ci sono più. Non vi nascondo la mia difficoltà a riflettere su questa tematica, infatti la mia esperienza di fede è stata sempre molto calata nel presente, nel tempo in cui viviamo. I sinottici, il vangelo di Giovanni, le epistole, i profeti sono i testi che mi hanno parlato nel corso della mia vita. Ma alla fine della Bibbia troviamo l’Apocalisse, in inglese Revelation. Non è un caso se l’Apocalisse, questo affresco di visioni che descrive la fine dei tempi, è l’ultimo libro della Bibbia.  Essa chiude ogni testimonianza biblica del rapporto tra l’Eterno e il suo popolo e apre su un tempo che non conosciamo, su cui invece di testimonianze abbiamo solo visioni. Parlando di visioni apocalittiche dobbiamo stare molto attenti a distanziarci da tutta la cultura apocalittica popolare che ci pervade. Le profezie di Nostradamus, i calcoli cabalistici sulla fine del mondo, c’ è un filone di libri, di film e anche tutto un filone di cultura religiosa legata all’idea della fine del mondo, che non è biblico e legge solo in superficie la questione. Apocalisse parola greca, tradotta  in italiano corrente  è rivelazione. L a comunità di Giovanni attende la rivelazione della volontà di Dio. Dio offre una parziale rivelazione delle realtà ultime all’autore. Rivelazione. Questa parola descrive bene i contenuti di questo libro e sfugge alla cultura apocalittica. La fine dei tempi descritta dall’autore Giovanni, pur essendo ricchissima di visioni fantastiche, non è una enorme nottata di fuochi pirotecnici che rappresentano la fine del mondo. Giovanni usa un linguaggio figurato per dare nuovi contenuti alla speranza delle prime comunità cristiane. Per accompagnarle in una attesa del ritorno di Gesù che va ben oltre i tempi delle loro previsioni umane. Per sostenerle nel vivo di difficoltà mortali. Ma veniamo ai  testi che abbiamo letto, la visione di Giovanni nella Apocalisse : “ In mezzo alla piazza della città e sulle due rive del fiume stava l’albero della vita. Esso dà dodici raccolti all’anno, porta il suo frutto ogni mese e le foglie dell’albero sono per la guarigione delle nazioni. “ (22, 2)- In mezzo alla piazza di questa nuova Gerusalemme si vede un albero, le foglie dell’albero sono per la guarigione delle nazioni, non per il solo popolo di Israele, non servono gli sforzi di separazione dagli altri popoli, di purificazione, siamo fuori da ogni tentazione identitaria. Dopo la morte,  alla fine del tempo che conosciamo cosa ci aspetta? Sarà il paradiso perduto  da Adamo ed Eva? Troveremo la fontana dell’eterna giovinezza? Sarà una verde vallata dove vivere in piena salute? La speranza che ci comunica l’Apocalisse pur essendo in continuità con il linguaggio di Isaia o di Ezechiele se ne discosta nettamente. Il brano dell’Apocalisse innanzi tutto non riguarda un solo popolo, un solo luogo, ma si estende a tutti i popoli, a tutto il globo della terra. Poi non soddisfa i bisogni umani.  Isaia  recita “ i miei eletti godranno a lungo l’opera delle loro mani, non costruiranno più perché un altro abiti”.  Giovanni con le sue visioni sposta invece la attenzione dall’opera delle nostre mani alla città celeste in cui tutti noi abiteremo.  La visione idilliaca del lupo che abita con l’agnello si trasforma nella scomparsa di ogni peccato dalla creazione. “il primo cielo e la prima terra erano scomparsi, e il mare non c’era più”.  Il mare non c’era più! Nella cultura di Israele il mare era il regno del male, casa di mostri abitanti gli abissi, per noi oggi il mare è invece immagine di vacanze al sole, allora perché farlo sparire?  Ma se pensiamo alla predicazione di alcune domeniche fa della pastora Testa che descriveva il mare inquinato di plastica o gli annegamenti dei migranti nel Mediterraneo, allora possiamo condividere questa speranza, il peccato umano che guasta il mare, sarà cancellato alla fine dei tempi, avremo un mare amico. La visione di Giovanni sulla futura fine dei tempi, non è un bosco con alberi magici, ma una città, una città ripiena della presenza del Signore. Questa nuova Gerusalemme pur essendo circondata dalle mura è ben distante dalla città che ogni ebreo rimpiange. Non ha un tempio e le sue porte sono sempre aperte,  chi non sta nella città non è un nemico da combattere, ma resta fuori dalla comunione con Dio. Già perché più di descrivere cosa è la nuova Gerusalemme, l’autore sottolinea chi è la nuova Gerusalemme. La presenza di Dio e dell’Agnello illumina ogni cosa, riempie ogni cosa, completa ogni cosa. Accanto al Padre e al Figlio sta l’albero della vita, mai stanco di germogliare, che con le sue foglie guarisce le nazioni. Dio abiterà fra gli uomini, come veniva descritto dal vangelo di Giovanni per l’inizio dei tempi,  quando agiva la Parola creatrice. La Parola che ha abitato fra noi,  Gesù il figlio di Dio, l’Agnello, siederà sul trono  e noi vedremo il suo volto. La presenza così pregnante del Dio uno e trino farà nuova ogni cosa. L’annunzio di questa mattina è questo: Il giudizio finale farà sparire i cieli, la terra e il mare pieni del nostro peccato, la venuta del Figlio dell’uomo asciugherà ogni lacrima e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore, perché le cose di prima sono passate, ecco un nuovo cielo e una nuova terra, una nuova Gerusalemme per i Suoi popoli.Questo annunzio, questo futuro che ci viene prospettato è una grande speranza, la più grande che noi si possa concepire.  Questa speranza risponde alle domande che sono nascoste in ogni mente interessata alla trascendenza. L’Apocalisse non rivela un mondo fantastico pieno di delizie, ma rivela che la presenza del Signore toglie il peccato dalla creazione esistente, completa la finitezza e l’imperfezione del mondo in cui abbiamo speso la nostra vita, apre una nuova dimensione. Dice il Signore: “le cose di prima sono passate …… io faccio nuove tutte le cose” questa speranza escatologica riguarda noi tutti, il termine della vita coinvolge ciascuno nel suo tempo. Questa speranza escatologica si riflette anche sul vissuto di ogni giorno, sul futuro dell’umanità. Moltmann, un teologo tedesco, sostiene la necessità della riscoperta di una concezione collettiva della speranza cristiana come fattore centrale nel pensiero  e nella vita del singolo individuo e della chiesa. Egli scrive: ”La Speranza sostiene e fa avanzare la fede, la Speranza è anche la forza che mette in azione  e sospinge il pensiero della fede, la sua riflessione sulla natura umana,   sulla storia e sulla società. …. Essa apre una prospettiva di futuro che ricomprende ogni cosa, anche la morte; essa può ricondurre in quella prospettiva anche le limitate speranze di rinnovamento della nostra vita, relativizzandole e orientandole”. Coltivare questa speranza collettiva con allegria e tenacia  è il compito della chiesa valdese di Verona, che lo Spirito faccia risuonare nelle nostre menti l’esortazione della prima epistola di Pietro  “attendete e affrettate la venuta del giorno di Dio”.

Amen.

Ruggero Mica