La predicazione è disponibile in formato audio qui sotto:

Giovanni 10,11-18

11 Io sono il buon pastore; il buon pastore dà la sua vita per le pecore. 12 Il mercenario, che non è pastore, a cui non appartengono le pecore, vede venire il lupo, abbandona le pecore e si dà alla fuga (e il lupo le rapisce e disperde), 13 perché è mercenario e non si cura delle pecore. 14 Io sono il buon pastore, e conosco le mie, e le mie conoscono me, 15 come il Padre mi conosce e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. 16 Ho anche altre pecore, che non sono di quest’ovile; anche quelle devo raccogliere ed esse ascolteranno la mia voce, e vi sarà un solo gregge, un solo pastore. 17 Per questo mi ama il Padre; perché io depongo la mia vita per riprenderla poi. 18 Nessuno me la toglie, ma io la depongo da me. Ho il potere di deporla e ho il potere di riprenderla. Quest’ordine ho ricevuto dal Padre mio».

La predicazione è disponibile in formato audio qui sotto:

Giovanni 20,19-31

19 La sera di quello stesso giorno, che era il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, Gesù venne e si presentò in mezzo a loro, e disse: «Pace a voi!» 20 E, detto questo, mostrò loro le mani e il costato. I discepoli dunque, veduto il Signore, si rallegrarono. 21 Allora Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre mi ha mandato, anch’io mando voi». 22 Detto questo, soffiò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo. 23 A chi perdonerete i peccati, saranno perdonati; a chi li riterrete, saranno ritenuti».

24 Or Tommaso, detto Didimo, uno dei dodici, non era con loro quando venne Gesù. 25 Gli altri discepoli dunque gli dissero: «Abbiamo visto il Signore!» Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi, e se non metto il mio dito nel segno dei chiodi, e se non metto la mia mano nel suo costato, io non crederò».
26 Otto giorni dopo, i suoi discepoli erano di nuovo in casa, e Tommaso era con loro. Gesù venne a porte chiuse, e si presentò in mezzo a loro, e disse: «Pace a voi!» 27 Poi disse a Tommaso: «Porgi qua il dito e guarda le mie mani; porgi la mano e mettila nel mio costato; e non essere incredulo, ma credente». 28 Tommaso gli rispose: «Signor mio e Dio mio!» 29 Gesù gli disse: «Perché mi hai visto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!»

30 Or Gesù fece in presenza dei discepoli molti altri segni miracolosi, che non sono scritti in questo libro; 31 ma questi sono stati scritti, affinché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e, affinché, credendo, abbiate vita nel suo nome.

Immagine di FelixMittermeier tramite Pixabay

Culto evangelico a cura delle chiese metodiste e valdesi del Triveneto

La predicazione è disponibile in formato audio qui sotto:

Genesi 9:9-17

9 «Quanto a me, ecco, stabilisco il mio patto con voi, con i vostri discendenti dopo di voi 10 e con tutti gli esseri viventi che sono con voi: uccelli, bestiame e tutti gli animali della terra con voi; da tutti quelli che sono usciti dall’arca, a tutti gli animali della terra. 11 Io stabilisco il mio patto con voi; nessun essere vivente sarà più sterminato dalle acque del diluvio e non ci sarà più diluvio per distruggere la terra». 12 Dio disse: «Ecco il segno del patto che io faccio tra me e voi e tutti gli esseri viventi che sono con voi, per tutte le generazioni future. 13 Io pongo il mio arco nella nuvola e servirà di segno del patto fra me e la terra. 14 Avverrà che quando avrò raccolto delle nuvole al di sopra della terra, l’arco apparirà nelle nuvole; 15 io mi ricorderò del mio patto fra me e voi e ogni essere vivente di ogni specie, e le acque non diventeranno più un diluvio per distruggere ogni essere vivente. 16 L’arco dunque sarà nelle nuvole e io lo guarderò per ricordarmi del patto perpetuo fra Dio e ogni essere vivente, di qualunque specie che è sulla terra». 17 Dio disse a Noè: «Questo è il segno del patto che io ho stabilito fra me e ogni essere vivente che è sulla terra».

Immagine di Albrecht Fietz tramite Pixabay

La predicazione in italiano e in inglese è disponibile in formato audio qui sotto:

Marco 1,29-39

29 Appena usciti dalla sinagoga, andarono con Giacomo e Giovanni in casa di Simone e di Andrea. 30 La suocera di Simone era a letto con la febbre; ed essi subito gliene parlarono; 31 egli, avvicinatosi, la prese per la mano e la fece alzare; la febbre la lasciò ed ella si mise a servirli.


32 Poi, fattosi sera, quando il sole fu tramontato, gli condussero tutti i malati e gli indemoniati; 33 tutta la città era radunata alla porta. 34 Egli ne guarì molti che soffrivano di diverse malattie, e scacciò molti demòni e non permetteva loro di parlare, perché lo conoscevano.
35 Poi, la mattina, mentre era ancora notte, Gesù si alzò, uscì e se ne andò in un luogo deserto; e là pregava. 36 Simone e quelli che erano con lui si misero a cercarlo; 37 e, trovatolo, gli dissero: «Tutti ti cercano». 38 Ed egli disse loro: «Andiamo altrove, per i villaggi vicini, affinché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto». 39 E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e cacciando demòni.

Carissimo Fratello, carissima Sorella, domenica prossima 7 febbraio 2021 alle 10.30 riprenderemo a celebrare il Culto in presenza nel nostro tempio di via Duomo, angolo via Pigna a Verona. Le misure di sicurezza ,nel rispetto del Dpcm, prevedono la disinfezione delle mani, la raccolta di nome e numero di telefono, ed il distanziamento qualora non si sia conviventi. Abbiamo scelto in Consiglio di avere un distanziamento di almeno 1.5 MT per salvaguardare la salute di tutti noi. L’uso della mascherina che dovrà essere indossata correttamente per tutto il tempo della celebrazione e anche durante letture e canti. La colletta avverrà all’uscita. Per qualsiasi dubbio potrete chiedere a Roberto Mellone, come responsabile della sicurezza, che vi accoglierà all’ingresso.

Culto evangelico di Natale

venerdì 25 dicembre

Raidue

dalle 10:00 alle 11:00

In eurovisione dalla chiesa evangelica metodista di Roma

a cura della rubrica Protestantesimo

Natale è Amore

La comunità metodista di Roma è un luogo di incontro tra tradizioni e culture di diversi paesi del mondo. Condividono il tempio una comunità italiana, una coreana e una filippina.
Presiedono: la pastora della comunità, Joylin Galapon, la moderatore della Tavola valdese, Alessandra Trotta, la pastora Mirella Manocchio, presidente dell’Opera metodista in Italia e il professor Eric Noffke, docente alla Facoltà valdese di teologia di Roma.
Partecipano: il gruppo musicale filippino PAW Team, alcuni elementi del coro “Hope and Joy” della Chiesa metodista coreana. Coordinamento musicale: m° Antonio Montano; al violino Stefanie Gabuyo, al violoncello Fabiola Pereira, alla viola Emma Amarilli Ascoli. Al pianoforte Emilja Pinto.


Per rivedere le puntate visita il sito VIDEO

Protestantesimo su Facebook

indirizzo mail :
protestantesimo@fcei.it ; protestantesimo@rai.it

La predicazione in italiano è disponibile in formato audio qui sotto:

Apocalisse 21,1-7

1 Poi vidi un nuovo cielo e una nuova terra, poiché il primo cielo e la prima terra erano scomparsi, e il mare non c’era più. 2 E vidi la santa città, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo da presso Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. 3 Udii una gran voce dal trono, che diceva: «Ecco il tabernacolo di Dio con gli uomini! Egli abiterà con loro, essi saranno suoi popoli e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio. 4 Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore, perché le cose di prima sono passate».
5 E colui che siede sul trono disse: «Ecco, io faccio nuove tutte le cose». Poi mi disse: «Scrivi, perché queste parole sono fedeli e veritiere», e aggiunse: 6 «Ogni cosa è compiuta. Io sono l’alfa e l’omega, il principio e la fine. A chi ha sete io darò gratuitamente della fonte dell’acqua della vita. 7 Chi vince erediterà queste cose, io gli sarò Dio ed egli mi sarà figlio.

In vista del 25 novembre, *giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e le bambine*, la FDEI ha preparato, come ogni anno, il quaderno, “16 giorni per vincere la violenza”.

Oltre al quaderno, quest’anno è stata predisposta una proposta liturgica, teologica e di testimonianza a cura di pastore e pastori.

Cliccare qui per il quaderno 16 giorni

Cliccare qui per la proposta liturgica

Cliccare qui per il quaderno 16 giorni (versione Inglese)